Dati secondari

« Back to Glossary Index

I dati sono classificati come secondari quando esistono e sono già disponibili per le aziende quando ne hanno bisogno. Per essere di qualità, questi dati devono essere rilevanti, affidabili, oggettivi e soprattutto accurati. Le informazioni devono inoltre essere aggiornate.

A seconda della loro origine, oggi si distinguono due tipi di dati secondari:

  • dati secondari interni.
  • dati secondari esterni.

I dati secondari si dicono interni quando sono disponibili all’interno dell’azienda stessa. Si tratta, ad esempio, di file di archivio, rapporti di precedenti ricerche di mercato e rapporti di attività. I dati secondari sono definiti esterni quando provengono da un centro di informazione che può essere specializzato o generalista. Ne sono un esempio l’INSEE e le camere di commercio. L’accesso a tali dati secondari esterni può essere gratuito o soggetto al pagamento di una tariffa di accesso.

I dati secondari sono in contrasto con i dati primari, che sono stati raccolti specificamente per soddisfare una particolare esigenza.