Margine posteriore

« Back to Glossary Index

Espresso in percentuale, il margine posteriore è la differenza tra il prezzo di vendita iniziale del fornitore e il prezzo fatturato. Considerato teoricamente come un servizio, è soggetto a IVA. Da un punto di vista legale, si parla ora di “altri benefici finanziari”. Questo tipo di margine è praticato soprattutto tra i grandi rivenditori e i loro fornitori nel campo della grande distribuzione. Il metodo di calcolo e le condizioni di questo sconto sono definiti durante i negoziati commerciali annuali. In generale, i fornitori sono disposti a concedere un margine posteriore in cambio di :
– la crescita delle vendite dei prodotti
– il raggiungimento di un certo volume di vendite in un determinato periodo,
– raccolta del riciclo da parte del distributore
– spazio privilegiato o maggiore visibilità per il prodotto. Ad esempio, la grande distribuzione può mettere il prodotto in cima allo scaffale o dedicargli uno spazio significativo nel catalogo del negozio.
Nella maggior parte dei casi, i margini posteriori possono raggiungere il 30-40% del prezzo di vendita originale ottenuto da un fornitore. Sono legalmente regolamentati e limitati per evitare qualsiasi abuso dei fornitori da parte dei grandi rivenditori.